You are here: Home » Degree programme.

Società e cultura

Corso di Laurea Magistrale in DIREZIONE E CONSULENZA D'IMPRESA

Dipartimento di Economia "Marco Biagi"



  • Course in brief
  • Admission requirements
  • Prospects
  • Overview
  • Learning outcomes
  • Contacts

Study plan

Il corso di Laurea Magistrale in Direzione e Consulenza d'Impresa intende erogare le necessarie competenze a coloro che ambiscono a diventare imprenditori o ad entrare in imprese industriali, commerciali e di servizi, arrivando a ricoprire posizioni di direzione generale o di direzione funzionale, ovvero ricoprire ruoli manageriali sia operativi sia strategici, vengono infatti approfondite le tematiche attinenti all'amministrazione e il controllo e sui sistemi informativi. Il corso, inoltre, si rivolge a chi è interessato ad acquisire specifiche competenze nell'ambito della consulenza aziendale/economica e giuridico/fiscale rivolta sia alle aziende private sia pubbliche. Il corso viene progettato e rinnovato sulla base di un confronto continuo con le imprese, le associazioni imprenditoriali e gli ordini professionali al fine di assicurare da un lato un percorso formativo in linea con le richieste del mercato del lavoro e, dall'altro, una serie di opportunità di contatto e di relazioni fra studenti, imprese, società di revisione e studi professionali.

Il progetto formativo del corso di laurea prevede specifici insegnamenti volti a sviluppare solide competenze in tema di bilancio, amministrazione, controllo di gestione e business planing, affiancati da corsi idonei a sviluppare conoscenze e capacità applicative in tema di analisi dei dati, di analisi dei settori industriali, di finanza e organizzazione aziendale e di diritto societario e tributario.
Il corso offre l'opportunità di scegliere alcuni insegnamenti nell'ambito di un paniere per indirizzare la preparazione verso gli interessi più specifici volti alla gestione aziendale o alla formazione professionale. Coloro che sono più interessati ad una carriera manageriale potranno fare scelte che approfondiscono lo studio delle funzioni aziendali (marketing, produzione e logistica, ecc.) e a sviluppare la comprensione delle interdipendenze tra diverse aziende e diverse funzioni aziendali, oltre che delle scelte di carattere strategico (strategie a livello di business e a livello corporate). Coloro che sceglieranno di focalizzare i propri studi per accedere alla libera professione potranno scegliere tra insegnamenti di area giuridica o volti a rafforzare ulteriormente le competenze contabili, amministrative e gestionali (operazioni straordinarie d'impresa, bilancio consolidato, valutazioni d'azienda, revisione, ecc.). Il corso adotta un modello didattico teso a favorire l'applicazione pratica delle conoscenze acquisite attraverso casi didattici, esercitazioni, presentazione di lavori individuali e di gruppo. I contatti e le relazioni con imprese e professionisti saranno anche integrati con il coinvolgimento sul piano didattico di testimonianze aziendali, la realizzazione di workshop, tirocini e lavori di tesi. Sono inoltre possibili periodi di studi all'estero.

Il contenuti proposti nel corso di laurea attengono alla vita dell'azienda (sotto vari aspetti riconducibili all'ambito economico finanziario e patrimoniale della stessa, dalla sua nascita alla sua gestione e alla fase terminale della sua vita) consentono l'accesso ad una vasta gamma di professioni. Nelle grandi imprese il laureato magistrale in Direzione e Consulenza d'Impresa può inserirsi nelle diverse funzioni aziendali e in ruoli dove sono richieste conoscenze interfunzionali, apertura internazionale, attitudine al cambiamento, oltre che ruoli di assistenza alla direzione generale. Nelle piccole e medie imprese e in aziende di famiglia può ambire a ricoprire rapidamente ruoli di direzione di funzione o di direzione generale. Nelle pubbliche amministrazioni può ricoprire ruoli amministrativi e gestionali. In società di consulenza aziendale può essere impiegato tipicamente nei ruoli di junior analyst, business analyst, assistant consultant. Il percorso formativo offre anche un insieme di competenze e di attitudini utili per l'avvio di una nuova impresa in qualità di imprenditore.
Gli sbocchi professionali sono inoltre rappresentati da: libera professione di dottore commercialista (previo superamento dell'esame di stato); revisione aziendale; direzione amministrativa di imprese e pubbliche amministrazioni; consulenza economico-giuridica

Conoscenze richieste per l´accesso;

Requisito d'accesso alla laurea magistrale è il possesso della laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo, oppure una laurea relativa al previgente ordinamento quadriennale.
Annualmente viene pubblicato sul sito del Dipartimento di Economia il bando di ammissione con i requisiti di competenze richieste dal corso di studio.

In particolare, per l'accesso al corso di laurea magistrale in Direzione e Consulenza d'impresa è necessario avere maturato solide conoscenze teoriche di base e competenze operative nelle materie quantitative applicabili all'economia (matematica e statistica), economiche (microeconomia, e macroeconomia), giuridico-aziendali (in particolare basi di diritto pubblico, privato, commerciale e tributario) ed economico-aziendali, con particolare riferimento ai temi di bilancio.
I candidati devono inoltre aver acquisito conoscenze di base relative a tutte le principali funzioni aziendali e possedere almeno una conoscenza base della lingua inglese.

Modalità di ammissione

Per accedere alla laurea magistrale in Direzione e consulenza d'impresa per l'anno accademico 2020/2021 sono previsti
1. requisiti curriculari
2. requisiti di preparazione disciplinare;
3. requisiti di adeguatezza della preparazione personale.

1. Requisiti curriculari.
Sono richiesti i seguenti requisiti:
- lo studente deve aver conseguito (o stia per conseguire) la laurea nelle classi L-18 o L-33 (D.M. 270/04) oppure L-17 o L-28 (D.M. 509/99);


2. Requisiti disciplinari.
I requisiti disciplinari sono verificati attraverso l'analisi del curriculum studiorum e sono normalmente considerati acquisiti qualora nel percorso di laurea precedente siano ricomprese le seguenti conoscenze riferibili a specifici settori scientifico-disciplinari:
- ambito Economia aziendale (SECS-P/07): almeno 18 CFU;
- ambito Giuridico-commerciale (IUS-01, IUS/04, IUS/09, IUS/12): almeno 12 CFU.

3. Requisiti di adeguatezza della personale preparazione.
Ai candidati con media ponderata di carriera inferiore a 25/30 o non aventi le caratteristiche curriculari indicate sarà richiesto il superamento di una prova di ammissione con quesiti a risposta multipla (di seguito i dettagli) che si svolgerà il 17 settembre 2020.

Test di valutazione della personale preparazione.
Il test di valutazione della personale preparazione per l'ammissione alla laurea Direzione e Consulenza d'Impresa è rivolto agli studenti che hanno conseguito (o hanno in programma di conseguire entro il 20/12/2020) il titolo di studio di primo livello con una media ponderata di carriera inferiore a 25/30 o non aventi le caratteristiche curriculari e/o disciplinari indicate nel bando.
Modalità di somministrazione del test:
• Il test è costituito da 15 quesiti a risposta multipla e 5 quesiti a risposta aperta da svolgersi nel tempo massimo di 20 minuti.
• Il test verterà sui contenuti disciplinari delle materie che sono previste come requisito di ammissione.
Struttura del test:
10 quesiti di contabilità e bilancio
06 quesiti di economia aziendale
04 quesiti di diritto commerciale e/o diritto privato

Il corso intende formare essenzialmente tre tipi di profili professionali: • Liberi professionisti e dottori commercialisti che collaborano o supportano le aziende o gli enti pubblici locali nelle scelte/decisioni gestionali sia di natura ordinaria, sia di natura straordinaria, nella progettazione e nella tenuta delle contabilità aziendali, nelle decisioni di carattere fiscale o per le funzioni amministrativo-contabili e di controllo finanziario. • Consulenti aziendali in grado di comprendere ed interpretare, nella loro globalità, i fenomeni economici, aziendali e giuridici tra loro interrelati, sia rispetto ad aziende di piccole e medie dimensioni, sia con riferimento a combinazioni di grandi dimensioni. • Manager e imprenditori che, dopo un ovvio periodo di pratica in azienda, siano in grado di assumere posizioni di responsabilità direttive e gestionali nelle imprese industriali, commerciali e di servizio nonché nelle aziende e nelle amministrazioni pubbliche.

Function in a job context:

Le funzioni svolte dai laureati in Direzione e Consulenza di impresa cambiano in modo significativo a seconda degli insegnamenti scelti (il secondo anno gli studenti hanno ampie possibilità di scelta) e del tipo di organizzazione in cui vanno successivamente ad inserirsi:
• in aziende di varia dimensione attive in qualsiasi tipo di settore possono inserirsi nelle diverse funzioni aziendali e in ruoli dove sono richieste conoscenze interfunzionali, apertura internazionale, attitudine al cambiamento, oltre che svolgere funzioni di assistenza alla direzione generale;
• in società di consulenza aziendale possono essere svolgere tipicamente le funzioni di junior analyst, business analyst, assistant consultant per poi ricoprire ruoli di senior consultant;
• gli studenti che privilegiano gli insegnamenti giuridici e di contabilità, bilancio e controllo di gestione, si preparano a svolgere funzioni di consulenza giuridico, amministrativa e fiscale.
• il corso di laurea offre infine a un insieme di competenze e di attitudini finalizzate a facilitare la partecipazione ad un team imprenditoriale impegnato nella nascita di una nuova impresa.

Skills associated with function:

Tutti i laureati magistrali in Direzione e Consulenza di Impresa sono in grado di:
• redigere un bilancio rispettando i principi contabili internazionali;
• analizzare i dati aziendali e ambientali (contabili ed extra-contabili) per supportare le decisioni aziendali;
• utilizzare i modelli quantitativi con un approccio sistematico alla risoluzione dei problemi aziendali;
• collaborare con professionisti esperti nell'impostare un sistema di programmazione e controllo;
• compiere scelte di finanza aziendale;
• analizzare le dinamiche dei settori industriali;
• orientarsi fra le principali scelte di diritto societario
• redigere un business plan completo di bilancio previsionale.

Nel secondo anno il corso è caratterizzato da un numero piuttosto ampio di insegnamenti tra i quali scegliere in funzione del percorso di carriera che si intende intraprendere. A seconda delle scelte compiute, gli studenti affinano le loro capacità su alcuni dei seguenti fronti:
• assumere le decisioni di fondo afferenti a tutte le principali funzioni aziendali;
• integrare le analisi e le decisioni afferenti a diverse sfere funzionali;
• impostare l’analisi a supporto di decisioni di carattere strategico e assumere decisioni attinenti la sfera delle strategie a livello business e a livello corporate;
• partecipare alla redazione di un bilancio consolidato;
• applicare le tecniche tipiche delle attività di revisione del bilancio;
• collaborare con professionisti esperti per effettuare le determinazioni economico-quantitative in sede di operazioni straordinarie;
• collaborare con professionisti esperti nel prestare consulenza economico-finanziaria e tributaria relativamente ad operazioni di fusione, acquisizione e cessione di impresa;
• collaborare con professionisti esperti prestare consulenza in materia tributaria e giuscommercialistica;

Job oppotunities:

L’ampiezza dei contenuti del corso di laurea in Direzione e Consulenza d’Impresa consente l’accesso ad una vasta gamma di professioni. Nelle grandi imprese il laureato in Direzione e consulenza d’impresa può inserirsi nelle diverse funzioni aziendali e in ruoli dove sono richieste conoscenze interfunzionali, apertura internazionale, attitudine al cambiamento, oltre che in ruoli di assistenza alla direzione generale. Nelle piccole e medie imprese e in aziende di famiglia può ambire a ricoprire rapidamente ruoli di direzione funzione o di direzione generale. Nelle pubbliche amministrazioni può ricoprire ruoli amministrativi e gestionali. In società di consulenza aziendale può essere impiegato tipicamente nei ruoli di junior analyst, business analyst, assistant consultant. Il percorso formativo offre anche un insieme di competenze e di attitudini utili per all’avvio di una nuova impresa in qualità di imprenditore. Gli sbocchi professionali sono inoltre rappresentati da: libera professione di dottore commercialista; revisione aziendale; direzione amministrativa di imprese e pubbliche amministrazioni; consulenza economico-giuridica.

Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT)

  1. Specialisti della gestione nella Pubblica Amministrazione (2.5.1.1.1)
  2. Specialisti del controllo nella Pubblica Amministrazione (2.5.1.1.2)
  3. Specialisti della gestione e del controllo nelle imprese private (2.5.1.2.0)
  4. Specialisti in contabilità (2.5.1.4.1)
  5. Fiscalisti e tributaristi (2.5.1.4.2)
  6. Specialisti in attività finanziarie (2.5.1.4.3)
  7. Specialisti nell’acquisizione di beni e servizi (2.5.1.5.1)
  8. Specialisti nella commercializzazione di beni e servizi (escluso il settore ICT) (2.5.1.5.2)
  9. Specialisti nella commercializzazione nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (2.5.1.5.3)
  10. Analisti di mercato (2.5.1.5.4)
  11. Specialisti dell'economia aziendale (2.5.3.1.2)

Il corso ha l'obiettivo di sviluppare negli studenti le competenze e gli atteggiamenti necessari per operare in ruoli manageriali e imprenditoriali all'interno delle aziende o come consulenti aziendali in generale e Dottori Commercialisti in particolare. Il corso offre un percorso di apprendimento che da un lato tocca tutte le principali aree funzionali e, dall'altro, punta ad integrare le conoscenze funzionali e settoriali in un'ottica interfunzionale e imprenditoriale propria di chi si prepara ad assumere ruoli direttivi o di consulenza.
Il percorso formativo di base prevede un'ampia base comune per un totale di 72 CFU ed un un congruo spazio (18 CFU) perché lo studente metta alla prova e sviluppi in autonomia le competenze acquisite realizzando una tesi di laurea in cui siano individuabili suoi contributi rispetto alla letteratura. I 30 crediti rimanenti consentono agli studenti di personalizzare il proprio percorso in funzione degli sbocchi lavorativi ai quali sono maggiormente interessati, scegliendo almeno 18 di questi crediti nell'ambito di un paniere di insegnamenti o altre attività (tirocinio o idoneità di lingua inglese) alcuni dei quali sono raccomandati per chi vuole seguire un percorso orientato alla Direzione di Impresa mentre altri sono adatti per coloro che sono interessati alla Libera professione. Nel rispetto degli obiettivi formativi qualificanti della classe di appartenenza, il corso di laurea in Direzione e Consulenza di impresa si pone quindi obiettivi formativi specifici parzialmente differenziati a seconda del percorso.

Percorso Orientato alla Direzione di Impresa
Il percorso si rivolge a studenti che intendano acquisire conoscenze approfondite in ambito economico-aziendale e gestionale, fornendo allo studente una formazione di livello avanzato per l'assunzione di responsabilità direttive e gestionali nelle imprese industriali, commerciali e di servizio nonché nelle aziende e nelle amministrazioni pubbliche. A questo fine, il percorso è stato progettato con l'intento di:
• garantire un buon livello di competenze in tema di bilancio, analisi di bilancio e programmazione e controllo;
• garantire un buon livello di competenze in di tutte le principali funzioni aziendali;
• offrire una preparazione completa e unitaria necessaria per una corretta interpretazione dei fenomeni economici, giuridici, socio-culturali e tecnologici, con particolare attenzione agli strumenti utili per la gestione dei processi di cambiamento;
• sviluppare la comprensione approfondita delle interdipendenze tra funzioni all'interno delle aziende e fra attori nei sistemi economici.
La figura professionale sarà in grado di occupare ruoli di responsabilità nei centri decisionali in cui si articolano le strutture organizzative delle imprese e delle aziende ed amministrazioni pubbliche, ed in prospettiva di assumere responsabilità di carattere generale nel governo delle aziende. La figura professionale prevista risponde ai fabbisogni reali ed è destinata a trovare un positivo riscontro nel mercato del lavoro.

Percorso orientato alla Libera professione
Vengono ritenute conoscenze utili al percorso formativo quelle, in particolare, relative alle discipline aziendali e giuridiche che costituiscono patrimonio culturale necessario e caratterizzante la figura professionale del consulente d'azienda e con un'attenzione specifica alla figura del Dottore Commercialista.
Il corso di Laurea Magistrale prevede, perciò, un percorso formativo i cui contenuti e metodi utilizzati permettono di ottenere due contestuali obiettivi formativi:
1) predisporre alla preparazione della tipica figura libero professionale del Dottore Commercialista, o, più in particolare, dei liberi professionisti che collaborano o supportano le aziende o gli enti pubblici locali nelle scelte/decisioni gestionali sia di natura ordinaria, sia di natura straordinaria, nella progettazione e nella tenuta delle contabilità aziendali, nelle decisioni di carattere fiscale o per le funzioni amministrativo-contabili e di controllo finanziario. Il corso è finalizzato a formare laureati specialisti che dispongano di approfondite conoscenze in ambito economico-aziendale, con particolare riguardo agli aspetti amministrativo-contabili, finanziari, giuridici e fiscali e che siano in grado di utilizzare tali conoscenze per affrontare le quotidianìtà e le complessità aziendali secondo una visione integrata e completa in qualità di consulenti ed operatori di impresa;
2) formare le tipica figura del consulente aziendale, cioè di soggetti in grado di inquadrare ed affrontare le principali problematiche legate alla gestione delle imprese in veste di liberi professionisti e di consulenti aziendali, cioè di figure professionali in possesso di un bagaglio cognitivo idoneo a determinare e suggerire le strategie aziendali appropriate rispetto alle problematiche che involgono aspetti economici, operativi e giuridici comunque intersecatisi tra loro. Laureati in grado di fornire un consulenza professionale alle aziende utile a comprendere ed interpretare, nella loro globalità, i fenomeni economici, aziendali e giuridici tra loro interrelati, sia rispetto ad aziende di piccole e medie dimensioni, sia con riferimento a combinazioni di grandi dimensioni. I laureati di questo percorso apprendono e sviluppano capacità di analisi, comprensione e risoluzione delle problematiche amministrative di maggiore complessità, sia attraverso lo studio dei modelli teorici di riferimento, sia e soprattutto tramite l'utilizzo di tecniche professionali e metodologie quantitative di differente complessità.
Essi acquisiscono inoltre un'attitudine progettuale fortemente orientata al cambiamento e all'innovazione, con propensione ad affrontare i problemi tenendo conto di un orizzonte di riferimento ampio, del contesto economico generale e di una prospettiva internazionale.
Oltre ai contenuti specifici tipici dell'economia aziendale, gli studenti devono acquisire e saper utilizzare gli strumenti analitici e concettuali utili per la soluzione di problemi economici e gestionali e sviluppare le proprie capacità e abilità su più fronti:
• capacità di lavorare in modo autonomo;
• capacità relazionali (saper lavorare in gruppo e saper cogliere le dinamiche organizzative);
• capacità di comunicazione;
• capacità di leadership;
• capacità di innovazione.

Gli obiettivi formativi sopra delineati verranno perseguiti sia attraverso l'erogazione di insegnamenti specifici, sia (e soprattutto) attraverso l'esposizione degli studenti a molteplici metodi didattici (lezioni tradizionali, esercitazioni, seminari, ecc.), a molteplici metodi di valutazione (esami scritti, esami orali, progetti, presentazioni, lavori di gruppo, ecc.) e a molteplici attività (corsi, stage/tirocini, tesi, periodi all'estero, ecc.).

Autonomia di giudizio

Tutti i laureati magistrali in Direzione e Consulenza di Impresa sanno selezionare gli approcci e gli strumenti più idonei per gestire le diverse problematiche che le imprese devono affrontare nella definizione delle proprie politiche funzionali e strategiche. Sanno inoltre sviluppare autonome riflessioni su tematiche relative a specifici ambiti di approfondimento.

L'autonomia di giudizio viene sviluppata in particolare tramite esercitazioni, casi affrontati in aula, seminari, preparazione di tesine e lavori di gruppo. Particolarmente rilevanti su questo fronte sono le esperienze maturate in eventuali stage o nell'eventuale periodo di tirocinio, oltre che tramite l'attività svolta per la preparazione della prova finale.

La verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio avviene tramite la valutazione del grado di autonomia e capacità di lavorare, anche in gruppo, durante le esercitazioni assegnate all'interno dei corsi, l'attività svolta in preparazione della prova finale e durante l'eventuale tirocinio.

Abilità comunicative

Tutti i laureati magistrali in Direzione e Consulenza di Impresa sono in grado di esporre in forma scritta e orale le proprie conclusioni e le proprie raccomandazioni riguardo a studi, analisi, proposte, esplicitando in modo chiaro ed efficace i propri ragionamenti. Sanno inoltre utilizzare un linguaggio appropriato anche in funzione dei diversi interlocutori.

Le abilità comunicative sono sviluppate in particolare in occasione delle attività formative che prevedono la preparazione e la presentazione orale di relazioni e documenti scritti. L'acquisizione delle abilità comunicative sopraelencate avviene, inoltre, tramite l'attività svolta dallo studente per la preparazione della prova finale e la discussione della medesima, oltre che in occasione dello svolgimento di eventuali stage o durante il tirocinio.

La conoscenza della lingua inglese è considerata un presupposto per l'accesso al corso di laurea e può essere ulteriormente sviluppata e verificata mediante le relative prove di idoneità.

Capacità di apprendimento

Tutti i laureati magistrali in Direzione e Consulenza di Impresa durante il loro percorso di studi non solo acquisiscono nuovi strumenti e contenuti, ma perfezionano ulteriormente la loro attitudine ad acquisire nuove competenze, lavorando sul metodo di studio e facendo della flessibilità mentale e dell'importanza dell'aggiornamento continuo due tratti fondamentali del loro approccio al mondo del lavoro

La capacità di apprendimento e di adattamento possono essere verificate e stimolate in particolare tramite la preparazione di tesine e lavori di gruppo, durante l'eventuale periodo di tirocinio e durante la preparazione della prova finale.

Risultati di apprendimento attesi: conscenza e comprensione, capacita' di applicare conoscenza e comprensione

Area economica

Conoscenza e comprensione

Tutti i laureati magistrali in Direzione e Consulenza di Impresa acquisiscono una solida preparazione economica in relazione alla concorrenza e alle dinamiche di settore, con particolare attenzione alle situazioni di concorrenza imperfetta.

L’accertamento dell’effettiva acquisizione dei risultati di apprendimento avviene tramite esami scritti finali a domanda libere, oltre che attraverso verifiche in itinere limitatamente agli studenti frequentanti.

Capacita' di applicare conoscenza e comprensione

Tutti i laureati magistrali in Direzione e Consulenza di Impresa sono in grado di analizzare le dinamiche dei settori industriali, collegando le caratteristiche strutturali dei settori alla loro performance economica in termini di efficienza, potere di mercato, profitti, progresso tecnico e welfare.

Area Aziendale

Conoscenza e comprensione

Tutti i laureati magistrali in Direzione e Consulenza di Impresa acquisiscono:
• conoscenze approfondite in tema di bilancio, principi contabili IAS/IFRS, analisi di bilancio e programmazione e controllo;
• gli strumenti necessari per trattare i temi di bilancio per gruppi di imprese, per imprese quotate e non quotate;
• conoscenze approfondite in merito ai processi di direzione e governo delle aziende;
• una solida preparazione in finanza aziendale;
• i principi e le logiche di fondo del project management;
• le conoscenze necessarie per comprendere le scelte strategiche fondamentali che le imprese possono assumere e per lo sviluppo di un business plan completo (scelte strategiche ed elaborazione di bilanci previsionali).

I laureati magistrali che seguono il percorso orientato alla direzione di impresa possiedono inoltre:
• una preparazione completa in relazione a tutte le principali funzioni su cui si articola la gestione aziendale, oltre che delle problematiche di integrazione delle diverse funzioni;
• una conoscenza teorica e applicativa in tema di formulazione delle strategie (a livello business e a livello corporate), oltre che dei processi di implementazione e controllo delle strategie, tenendo conto dell’impatto dell’impresa sul contesto sociale esterno, ossia di tutti gli elementi che vengono sinteticamente denominati corporate social responsibility.

I laureati magistrali che seguono il percorso orientato alla Libera Professione conoscono inoltre in modo approfondito:
• i principi e le tecniche della analisi di bilancio per il controllo di gestione;
• i metodi di valutazione delle imprese;
• le problematiche relative alle principali operazioni di finanza straordinaria;
• i principi e i metodi della revisione aziendale.

Le conoscenze sopra elencate sono conseguite tramite la partecipazione a lezioni frontali, esercitazioni, preparazione di lavori di gruppo e tesine; lo studio individuale, la preparazione della tesi finale.
Per i laureati che seguono il percorso in libera professione è inoltre previsto un tirocinio presso studi professionali, fondamentale per un’immediata applicazione dei contenuti acquisiti alla pratica aziendale.

La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso esami orali e/o scritti, oltre che attraverso la valutazione ed il feedback sui lavori di gruppo e individuali (tesi finale e tesine).

Capacita' di applicare conoscenza e comprensione

Tutti i laureati magistrali in Direzione e Consulenza di Impresa sono in grado di:
• redigere un bilancio rispettando i principi contabili internazionali;
• analizzare i dati aziendali e ambientali (contabili ed extra-contabili) per supportare le decisioni aziendali;
• utilizzare i modelli quantitativi con un approccio sistematico alla risoluzione dei problemi aziendali;
• impostare un sistema di programmazione e controllo;
• compiere scelte di finanza aziendale;
• gestire i fattori razionali e relazionali connessi alla realizzazione di un progetto;
• redigere un business plan completo di bilancio previsionale.

I laureati magistrali che seguono il percorso orientato alla Direzione di Impresa sono inoltre in grado di:
• assumere le decisioni di fondo afferenti a tutte le principali funzioni aziendali;
• integrare le analisi e le decisioni afferenti a diverse sfere funzionali;
• impostare l’analisi a supporto di decisioni di carattere strategico e assumere decisioni attinenti la sfera delle strategie a livello business e a livello corporate.

I laureati magistrali che seguono il percorso in Libera Professione conoscono sono inoltre in grado di:
• redigere e controllare un bilancio consolidato;
• applicare le tecniche tipiche delle attività di revisione del bilancio;
• effettuare le determinazioni economico-quantitative in sede di operazioni straordinarie;
• svolgere le funzioni richieste ai componenti del collegio sindacale;
• prestare consulenza finanziaria globale all'impresa e all'imprenditore;
• prestare consulenza economico-finanziaria e tributaria relativamente ad operazioni di fusione, acquisizione e cessione di impresa;
• prestare consulenza in materia tributaria e giuscommercialistica;
• esercitare le funzioni di curatore fallimentare.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenze e comprensione sopraelencate avviene tramite verifiche (esami scritti e/o orali, relazioni, esercitazioni, attività di problem solving) che prevedono lo svolgimento di specifici compiti in cui lo studente dimostra la padronanza di strumenti, metodologie e autonomia critica. Particolarmente significativa è la valutazione della tesi finale.
Nelle attività di tirocinio previste per il percorso di Libera Professione la verifica avviene anche tramite la presentazione di una relazione da parte dello studente e del tutor aziendale.

Area giuridica

Conoscenza e comprensione

Tutti i laureati magistrali in Direzione e Consulenza di Impresa acquisiscono conoscenze approfondite
• una solida preparazione in diritto societario;
• una solida preparazione in diritto tributario.

I laureati magistrali che seguono il percorso orientato alla Libera Professione completano inoltre le loro conoscenze giuscommercialistiche approfondendo anche il tema del diritto delle crisi di impresa.

L’accertamento dell’effettiva acquisizione dei risultati di apprendimento avviene tramite esami scritti a domanda aperte.

Capacita' di applicare conoscenza e comprensione

Tutti i laureati magistrali in Direzione e consulenza di impresa sono in grado di acquisire le competenze di base per prestare consulenza in materia giuscommercialistica e di esercitare le funzioni di curatore fallimentare. In particolare sono in grado di:
• compiere le principali scelte di diritto societario;
• compiere le principali scelte connesse alla gestione dei tributi dal punto di vista aziendale.

Gli studenti che seguono il percorso in Libera Professione sono inoltre in grado di prestare consulenza in materia giuscommercialistica e di esercitare le funzioni di curatore fallimentare.

Area statistico-matematica

Conoscenza e comprensione

Tutti i laureati magistrali in Direzione e Consulenza di Impresa acquisiscono conoscenze approfondite in tema di analisi dei dati e data mining per le decisioni aziendali.

I laureati magistrali che seguono il percorso orientato alla Direzione di Impresa possono inoltre completare la propria preparazione quantitativa con un corso di Business Intelligence.

L’accertamento dell’effettiva acquisizione dei risultati di apprendimento avviene tramite esami scritti a domanda aperte e esercizi.

Capacita' di applicare conoscenza e comprensione

Tutti i laureati magistrali in Direzione e consulenza d'impresa sono in grado di compiere analisi esplorative dei dati e costruire modelli statistici univariati, bivarati e multivariati, utilizzando Excel ed Spss.

I laureati magistrali che seguono il percorso orientato alla Direzione di impresa che seguono il corso di Business Intelligence sviluppano inoltre la capacità di raccogliere e organizzare le informazioni rilevanti relative a mercati e competitor.

Course director:
Mauro ZAVANI

Tutors:
Lara LIVERANI